PNRR Dispersione

Con il Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR), e in particolar modo con la sezione investimento 1.4 "Intervento straordinario finalizzato alla riduzione dei divari territoriali nelle scuole secondarie di primo e di secondo grado e alla lotta alla dispersione scolastica”, le scuole secondarie hanno la possibilità di prevedere interventi straordinari finalizzati alla riduzione dei divari territoriali e alla lotta alla dispersione scolastica tramite queste azioni:
- percorsi di mentoring e orientamento;
- percorsi per il potenziamento delle competenze di base;
- percorsi per il coinvolgimento delle famiglie;
- percorsi formativi e laboratoriali co-curricolari.
La scuola, sulla base della propria autonomia, programma le attività complessive, decidendo le tipologie sulle quali investire, il format e il numero di ore di ciascun percorso, nel rispetto degli standard minimi previsti. Gli istituti possono stipulare accordi di rete con altre scuole, anche non finanziate dal decreto, al fine di ampliare il proprio raggio di azione.

Titolo del Progetto:
We care: una scuola che accoglie e include
Descrizione
L'adolescenza costituisce la fase del ciclo della vita in cui si forma l'identità personale, individuale e sociale. La scuola, assieme alla famiglia, svolge una funzione importante in questo processo, rappresentando un ambito privilegiato per la crescita, la formazione e la socializzazione dell'individuo. La proposta progettuale dell'Istituto Carlo Anti intende inserirsi in questo processo per promuovere il benessere dei ragazzi, supportando loro, la scuola e i genitori; per contribuire a migliorare la qualità della vita (anche scolastica), contrastando eventuali situazioni critiche o conflittuali e quindi, indirettamente, anche la dispersione. Quest'ultima è sintomo di disagio sociale e di condizioni di rischio, di emarginazione e di devianza, connessi al contesto scolastico, culturale, economico, familiare. Il contrasto alla dispersione attraverso il supporto allo sviluppo integrale degli individui, porta indirettamente anche alla crescita del capitale sociale e culturale del Paese, che impatta poi positivamente sullo sviluppo economico e il progresso della società nel suo complesso. Il progetto "We care: una scuola che accoglie e include", punta ad intervenire soprattutto sulle difficoltà che impediscono agli studenti di vivere efficacemente l'esperienza scolastica, aggravata anche dall'impatto psicologico dell'emergenza post pandemia che è più alto tra i più giovani, con una significativa riduzione della vita sociale e della fiducia verso il futuro. Le azioni previste sono le seguenti: - Percorsi di mentoring e di orientamento per studenti che mostrano particolari fragilità, motivazionali e/o nelle discipline di studio, a rischio di abbandono o che abbiano interrotto la frequenza scolastica. Saranno individuali e di rafforzamento attraverso mentoring e orientamento, sostegno alle competenze disciplinari e coaching motivazionale. - Percorsi per il potenziamento delle competenze di base, di motivazione e di accompagnamento pensati per studenti a rischio di abbandono che mostrano particolari fragilità nelle discipline di studio. Si inseriscono in questa azione gli studenti con background migratorio che, nell'istituto, si aggirano intorno al 25% del totale degli iscritti. È noto che, in questi casi, l'offerta di sostegno linguistico agli studenti di origine straniera o con difficoltà nella lingua italiana diminuisce il rischio di abbandono. - Percorsi per il coinvolgimento delle famiglie: supporto alle famiglie nella prevenzione dell'abbandono scolastico e nel contrasto ad esso, con attività di orientamento e con il coinvolgimento di genitori anche di allievi BES, DSA, DVA. - Percorsi formativi e laboratoriali co-curricolari: laboratori significativi e partecipati, afferenti a diverse discipline e tematiche, in coerenza con il curricolo scolastico e a rafforzamento di questo. Il Team per la prevenzione della dispersione scolastica effettua la rilevazione degli studenti a rischio di abbandono (o che abbiano già abbandonato la scuola nel triennio precedente) e la mappatura dei loro bisogni; e si impegna poi a progettare e a gestire interventi di contrasto all'abbandono con progetti educativi individualizzati. Si raccorda, inoltre, anche tramite tavoli di lavoro congiunti, con le altre scuole del territorio, con i servizi sociali, con i servizi sanitari, con le organizzazioni del volontariato e del terzo settore nella comunità locale, favorendo altresì il pieno coinvolgimento delle famiglie.
Allegati:

INCARICO RUP DS A TITOLO  NON ONEROSO 

INCARICO PROJECT MANAGER DS A TITOLO NON ONEROSO 

Percorsi di mentoring e orientamento:

INDIVIDUAZIONE Docenti INCARICATI 

Percorsi formativi e laboratoriali co-curricolari

INDIVIDUAZIONE DOCENTI

Percorsi di orientamento con il coinvolgimento delle famiglie

INDIVIDUAZIONE DOCENTI

Percorsi di potenziamento delle competenze di base, di motivazione e accompagnamento

INDIVIDUAZIONE DOCENTI